"Amare l'Inter vuol dire conoscerne ogni particolare, saperne apprezzare le sfumature, perlustrare questo lungo bellissimo mistero" (Giacinto Facchetti)

giovedì 30 giugno 2016

(BREVE) MENZIONE SPECIALE: GLI UOMINI CHE FECERO L’INTER CAMPIONE D’EUROPA

Il blog Biografie Nerazzurre con questo post saluta tutti e chiude così dieci stagioni di appassionata scrittura, tinteggiata dai colori del cielo e della notte. Chiude a meno quattro personaggi, volutamente celebrati a parte ed in rigoroso ordine di presenze, dalla fatidica cifra tonda di cinquanta. Quattro uomini – di cui i primi tre di questi, calcisticamente parlando, dal valore tecnico molto elevato – che segnando gol in finale hanno permesso all’Inter di laurearsi campione d’Europa per ben tre volte (a Vienna contro il Real Madrid nel 1963/’64, a Milano contro il Benfica nel 1964/’65, a Madrid contro il Bayern Monaco nel 2009/’10) scolpendo per sempre i loro nomi e quello della Beneamata nella leggenda del torneo continentale per club più importante e prestigioso in assoluto: la coppa campioni (modernamente ribattezzata Champions League).
Sandro Mazzola, nato a Torino il 08/11/1942, attaccante (poi, nei periodi 1977-1984 e 1995-1999, come dirigente), all’Inter dal 1960 al 1977 (come calciatore), 565 presenze e 160 gol, 8 trofei conquistati come calciatore nerazzurro (fra cui la coppa Campioni 1963/’64, firmata da una sua doppietta in finale).
Jair Da Costa, nato a Osasco di San Paolo (Brasile) il 09/07/1940, attaccante, all’Inter dal 1962 al 1972 (eccezion fatta per la stagione 1967/’68), 260 presenze e 69 gol, 8 trofei conquistati come calciatore nerazzurro (fra cui la coppa Campioni 1964/’65, firmata da un suo gol in finale).
Diego Alberto Milito, nato a Bernal (Argentina) il 12/06/1979, attaccante, all’Inter dal 2009 al 2014, 171 presenze e 75 gol, 6 trofei conquistati come calciatore nerazzurro (fra cui la coppa Campioni 2009/’10, firmata da una sua doppietta in finale).
Aurelio Milani, nato a Desio (MI) il 14/05/1934, attaccante, all’Inter dal 1963 al 1965, 37 presenze e 9 gol, 4 trofei conquistati come calciatore nerazzurro (fra cui la coppa Campioni 1963/’64, firmata da un suo gol in finale).